Frazione Argentera, Rivarolo Canavese (TO)
associazione.artemixia@gmail.com

Comunicato Stampa: “Di Speranze in Viaggio” 15 maggio Barriera di Milano

Comunicato Stampa: “Di Speranze in Viaggio” 15 maggio Barriera di Milano

Di Speranze in Viaggio”: a Torino in Barriera di Milano, 15 artisti, 4 performers, 3 associazioni e un musicista per soffermarsi sui temi dell’integrazione, dell’immigrazione e dell’accoglienza.

Mercoledì 15 maggio, a partire dalle 18.00, Associazione Artemixia e Circoscrizione 6, inaugurano a Torino, presso l’Ecomuseo Urbano di via San Gaetano da Thiene 6, la collettiva d’Arte Contemporanea “Di Speranze in Viaggio“, patrocinata da Regione Piemonte e già esposta con successo, grazie alla collaborazione di Circoscrizione 4, al Teatro Astra e all’Ecomuseo di via Medici. L’ingresso è libero, la mostra sarà visitabile fino al 07 giugno, ogni lunedì dalle 10.00 alle 12.00, il martedì, mercoledì e giovedì dalle 14.30 alle 18.00.

Vadis Bertaglia, Flavio Ullucci, Rosalba Castelli, Anna Olmo, Claudio Bellino, Beppe Gromi, Angelo Caforio, Maids Wallace, Federica Nardi, Carola Palazzi Trivelli, Laura Pulvirenti, Marta Tamburini, Francesca Ilva Carosi, Nunzio De Nigris e Giovanna Carmela Sinatra. Quindici gli artisti che dialogano attraverso il proprio personale metro espressivo, usando i canali della pittura, della scultura e della poesia, per rispondere al tema proposto da Associazione Artemixia.

“Disperate, di sperate, di speranze in viaggio, in voce di drammi umani sussurrati in forma d’arte”: questa è la poetica che fa da filo conduttore alle opere selezionate. Per dirla con le parole di Rosalba Castelli, qui presente nella doppia veste di artista e curatrice della collettiva stessa: “Si tratta di vite in viaggi della speranza ma anche di speranze in viaggio, di disperata speranza per un esito migliore per la propria sorte che in molti casi si traduce in morte. Troppo spesso, invece di incontrare mani tese e commozione empatica, queste vite vengono trasformate in numeri e svilite da politiche della (dis)integrazione su piatti contornati da paure e vili sentimenti che gonfiano gli egoismi e i timori di altri esseri umani convinti di sentirsi più sicuri e, assurdamente, primi rispetto agli ultimi.”


Durante l’inaugurazione si terrà anche un incontro di approfondimento sui temi dell’integrazione/interazione, dell’accoglienza e dell’immigrazione con il Centro Interculturale delle Donne Alma Mater e con la Casa del Quartiere di Barriera di Milano, due realtà locali le cui iniziative sono da anni incentrate sull’approfondimento di tematiche interculturali e sull’interazione tra comunità maggioritarie e minoranze. Interverranno Paola Ciafardoni, Presidente di Almaterra, Erika Mattarella e Malick Miang per i Bagni Pubblici di via Aglié.

Concluderà la serata la performance “Muta la Pelle del Mondo”: quattro corpi danzano in memoria dei migranti morti nel mar Mediterraneo, indugiando sullo “stare”, sulla presenza in assenza di parole, sul pensiero per accompagnare “a casa”, simbolicamente, per mezzo di un gesto semplice e delicato, le tante anime disperse. Con Henni Rissone, Rosalba Castelli, Cristina Schembari e Claudia Appiano sulle note del chitarrista Jordan D’Uggento.

Muta la pelle del mondo perché cambia continuamente: è meticcia.
Muta la pelle del mondo perché non può dire altro rispetto a quello che è.
Muta la pelle del mondo perché attonita di fronte alle vicende di questi tempi.”

La pelle è ciò che separa il nostro interno dall’esterno”, racconta Henni Rissone, Presidente di Associazione Artemixia, e continua:“la pelle è ciò che ci veste e protegge ma anche ciò che ci rende permeabili e, di conseguenza, siamo ciò che accade attorno a noi ma possiamo anche condizionare quel che accade intorno a noi”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *